Benedetta Bruzziches

Art designer e imprenditrice

Fascia di prezzo:€/$ fino a 10.000
Presenta in:Inglese, Italiano

*Le tariffe sono indicative per un keynote speech. Esse possono variare in modo significativo a secondo delle richieste specifiche del cliente, del tipo di intervento, del tempo richiesto per la preparazione e del tempo necessario per raggiungere la location. Costi di viaggio, trasporto su terra, pasti e hotel non sono inclusi nel prezzo.

Biografia

Benedetta Bruzziches è la designer dietro la Maison di Benedetta Bruzziches. Il suo marchio rappresenta la sua filosofia di recupero dell’identità territoriale coinvolgendo artigiani ed artisti locali della Tuscia e coniugando arte, artigianato storico e nuove tecnologie. L’impagliatore, il tappezziere, il magliaio, pur non avendo competenze specifiche nel campo della pelletteria, contribuiscono al processo di realizzazione delle sue originali e sofisticate borse, vendute in tutto il mondo con picchi negli Emirati arabi, in Russia e nei Paesi del Sudest asiatico.

Le creazioni di Benedetta non sono solo frutto di studi e di esperienza ma anche di racconti, di viaggi, d’immaginazione e di esperienze personali.

Durante la sua carriera, Benedetta ha lavorato come assistente personale del geniale stilista Romeo Gigli e come direttore creativo dell’azienda leader mondiale di borse e scarpe tessute con sede a Chennai, in India, Ayyappa Enterprise.

Vince, tra gli altri, il premio come Miglior Talento Italiano” assegnato dalla Camera della Moda e Altaroma, il “Premio Giovani Imprese, credendo nel Futuro” della Fondazione Altagamma e per la “Migliore Collezione di Borse” all’APLF Fiera di Hong Kong.

Cosa offre

Benedetta è l’esempio perfetto di empowerment personale e può descrivere come una visione può diventare realtà semplicemente parlando di se stessa. Con una visione per cambiare il modo in cui le aziende pensano, agiscono e operano, Benedetta lavora per sviluppare la cultura della moda e creare un mondo del lavoro migliore attraverso la bellezza.

Come presenta

Anche come speaker Benedetta è un vero talento. Parla in modo naturale e brillante e colpisce direttamente il cuore di ogni persona.

Ha uno stile di parola chiaro, divertente e affascinante.

La sua storia a parole sue

“Mi chiamo Benedetta Bruzziches, sono nata da qualche parte negli anni ’80 e qualcuno mi confonde con una borsa! Sono cresciuta a Caprarola, un paese-teatro fatto di stradine e fontane, un posto d’altri tempi dove ancora si caccia il vino in cantina e il ritmo della città dipende dalle semine e dai raccolti.

Sono appassionata di cinema, mi piace girare con il libro sotto braccio e penso sempre che se avessi incontrato Fellini avrei popolato il suo libro dei sogni. Lavoro spesso e mi piace ridere, andare a funghi e ascoltare la voce del lago. Mi piace vestire elegante per andare al mercato ed odorare la frutta per sentire se è buona. Mi piace baciare e mi piacciono i timidi.

Se mi chiedono di che colore sono rispondo rosso primario e se mi chiedete di colore siete voi, di sicuro indovino. Credo nelle energie e negli odori ma più di tutto credo nei desideri. Nella fortuna invece non ci credo e neanche nelle raccomandazioni. Non mi piacciono le giustificazioni, e non ho la televisione a casa, non mi piace andare in palestra ma in cucina sono brava.

Viaggiare è il mio secondo marito, istintivo, umano e all’avventura. La cosa che mi fa più paura è la paura , i morti viventi e un certo tipo di ignoranza. Credo nei giovani ma anche negli anziani soprattutto quelli che nella vita hanno lavorato sodo. Se dovessi essere un’altra, sarei Monica Vitti e Rita Levi Montalcini. Ho vissuto a Roma e l’ho amata e poi Milano e poi mi sono trasferita in India, Cina e Brasile per poi tornare a Viterbo dove ho colorito il mio studio, ho trapiantato un laboratorio dove le borse respirano l’aria buona e nella notte volo sulla bici e mi sento la regina.

Ho scelto di stare a Viterbo, ho scelto mio fratello Agostino e ho scelto la filosofia della Gioia! Entrare nel mio studio è come precipitare in una favola. Vi trovate di fronte uomini di legno, vecchie lavagne, libri di favole e poesie, armadi accatastati e tutti quei personaggi che di notte, in cucina, si animano e fanno baldoria! Non mi capita spesso di disegnare una collezione, io di solito le borse le scrivo, le racconto. Più che di materiali, mi piace parlare di storie, di forme e di personaggi. La collezione è quasi secondaria, è la storia che la rende bella. La invento io. È la mia!

Che sia una suggestione, un amore che finisce, un inno alla gioia, l’evocazione di un ricordo, è la storia che dovete conoscere. D’altra parte a cosa servirebbero le borse se non a contenere storie.

E se vi incontro con una mia borsa, non me ne vogliate se la apro e cerco dentro, non vi rubo nulla, sono solo alla ricerca di altre storie!”

Argomenti trattati

  • Empowerment personale
  • Creatività e innovazione
  • Fashion design
  • Branding
  • Arte e cultura
  • Leadership di trasformazioni sostenibili (sociali, economiche e ambientali)
  • Beni di lusso

Speaker correlato

Giulio Sapelli

Intellettuale, storico dell’economia, autore di centinaia di libri

Seth Godin

Esperto in strategie di marketing innovative

Flavia Pennetta

Ex tennista - Prima campionessa italiana degli U.S. Open in singolare e in doppio

Gregorio Paltrinieri

Campione Olimpico, mondiale ed europeo di nuoto

Marco Liorni

Conduttore di programmi televisivi

Giada Zhang

Una delle giovani imprenditrici di maggior successo d'Italia

Umberto Pelizzari

Campione mondiale di apnea

Alberto Alessi

Design manager di fama internazionale

Francesco Daveri

Economista - Docente universitario

Alastair Campbell

Ex direttore della comunicazione e della strategia del Premier Tony Blair

Chiedi informazioni su Benedetta Bruzziches